Logo CeraVe CeraVe Mag

Icon > Mani e Piedi

Perché scegliere una crema mani nutriente

Le mani sono la parte del corpo più sollecitata da lavaggi frequenti, dal contatto con disinfettanti, detergenti di ogni tipo e dagli agenti atmosferici. Per questo la pelle delle mani è spesso secca e screpolata, con spaccature che a volte possono addirittura arrivare a sanguinare. Per alleviare manifestazioni di questo tipo, l’unico alleato è una crema mani nutriente capace di ricostituire la naturale barriera cutanea di protezione. Ecco allora come fare per scegliere quella più adatta alle proprie esigenze.

Perché scegliere una crema mani nutriente

Come scegliere la crema mani nutriente

Quante volte sarà capitato di avere mani ruvide e screpolate? Le mani, infatti, sono esposte a freddo, agenti atmosferici e sbalzi di temperatura; senza contare il contatto con detersivi e disinfettanti. In questi casi c’è la necessità di ridargli idratazione e morbidezza. Come tutti gli altri prodotti per prendersi cura del viso e del corpo, anche la crema mani nutriente andrebbe scelta in base alle esigenze della pelle. Ma quali sono gli ingredienti da tenere presenti?

Sicuramente l’acido ialuronico, molecola già presente naturalmente nel nostro organismo e in alta concentrazione nell’epidermide. Questa molecola è capace di catturare e trattenere una quantità d’acqua pari a 1000 volte il suo peso, assicurando alla pelle una corretta idratazione e morbidezza. Poiché con il passare degli anni il nostro organismo rallenta la sua produzione, è importante applicarlo anche per via topica utilizzando creme che lo contengono.

Una buona crema nutriente mani deve anche concorrere a restituire la componente lipidica. Le ceramidi, per esempio, rappresentano il 50% dei lipidi naturalmente presenti nella nostra pelle. Queste sono fondamentali per mantenere forte e resistente la struttura reticolare epidermica. Una loro carenza potrebbe infatti portare pelle secca, arrossata e screpolata che, col tempo, potrebbe anche sviluppare sensazioni di prurito.

Anche la niacinamide, o vitamina B3, riveste un ruolo molto importante per la pelle delle mani, perché ha una proprietà lenitiva e di rinforzo della barriera cutanea.

Quale crema nutriente mani per pelli molto secche

Chi ha già una pelle secca, dovrebbe avere qualche accorgimento in più e scegliere la crema nutriente mani in modo accurato. Il problema principale delle creme destinate a pelli molto secche, però, è la texture: molte, infatti, hanno una consistenza oleosa o grassa di difficile assorbimento e, siccome a nessuno piace lavorare con la sensazione di grasso e unto sulle mani, si finisce quasi sempre per rinunciarvi.

Per evitare screpolature e desquamazioni, potrebbe essere applicata la crema mani riparatrice CeraVe a rapido assorbimento dedicata appunto a pelli secche e screpolate. La crema mani riparatrice CeraVe idrata, lenisce e ripara la barriera cutanea grazie alla sua formula composta da:

  • acido ialuronico per un’azione idratante;
  • 3 ceramidi per ripristinare l’equilibrio lipidico sostenendo la struttura epidermica;
  • niacinamide per lenire e migliorare l’aspetto della pelle delle mani.

In più, i prodotti CeraVe beneficiano della tecnologia MVE (Multivesicular Emulsion) che rilascia gli attivi continuamente e gradualmente. Questa crema riparatrice, quindi, aiuta la pelle a mantenersi morbida e resistente e a proteggerla dalle aggressioni degli agenti esterni che le mani ogni giorno devono sopportare.

In caso di pelle molto secca, infine, meglio proteggerla anche con un detergente idratante non schiumoso per svolgere un’azione idratante e protettiva anche durante il lavaggio.